in «L’Espresso», Roma, 7 giugno