in «L’Avvenire», Firenze, 6 aprile