in «L’Avvenire», Bologna