in «La Repubblica», Firenze, 11 maggio