in «La Nazione», Firenze, 23 maggio